5 buone abitudini

La domanda, ogni anno, è sempre la stessa. Conviene acquistare i cesti natalizi su Internet? La risposta è sì. Ma con qualche accorgimento. Se è vero che online puoi trovare con facilità tante offerte e prezzi scontatissimi, è altrettanto ovvio che non tutti gli e-commerce sono uguali: ci sono quelli seri, affidabili, efficienti e quelli meno. Senza contare i tentativi di truffe e raggiri vari, mai numerosi quanto sotto le Feste. Quindi, dovresti rinunciare ad acquistare i tuoi regali di Natale su Internet? Nemmeno per sogno. Basta qualche piccolo controllo per andare sul sicuro. Vediamo quali.

1. I dati del negozio

Ogni shop online deve esporre nel suo sito: il nome dell’attività, o la ragione sociale, la sede legale, o il domicilio, le informazioni di contatto, la partita IVA e il numero di iscrizione al registro delle imprese. Lo dice la legge italiana (vedi articolo 7 del decreto legislativo 70/2003). Se una o più fra queste informazioni dovesse mancare, lascia perdere: scegli un altro negozio.

2. La reputazione è online

Meglio perdere qualche minuto su Google piuttosto che scoprire fuori tempo massimo che decine di persone hanno ricevuto i loro ordini in ritardo (o non li hanno ricevuti per niente). Su Internet è facile trovare opinioni, recensioni o commenti a proposito di qualunque impresa, piccola o grande che sia. Se hai qualche dubbio, cerca su Google il nome dell’e-commerce seguito dalla parola “commenti” o “recensioni”. In alternativa, apri la pagina Facebook del negozio. Sempre più persone scrivono i loro commenti, positivi o negativi che siano, direttamente nella pagina Facebook degli shop online. Se poi l’e-commerce è serio, per ogni commento, soprattutto per quelli meno lusinghieri, troverai la replica del venditore con tanto di scuse. In questo modo, potrai farti un’idea più precisa del grado di efficienza e di affidabilità del negozio.

3. Il customer service

È vero, su Internet non puoi guardare in faccia il venditore. Tuttavia, il servizio di customer service aspetta solo le tue domande. Scrivi una e-mail o, ancora meglio, telefona al venditore: in caso di dubbi, uno shop serio è sempre pronto a risponderti e a darti tutte le delucidazioni di cui hai bisogno. La maggior parte delle volte, è più che sufficiente una conversazione telefonica di pochi minuti o qualche scambio di e-mail per verificare l’affidabilità del venditore.

4. Il catalogo

Se capitassi in un negozio con commessi sgarbati e per nulla disposti a rispondere alle tue domande, tu cosa faresti? Acquisteresti o andresti altrove? Su Internet funziona in modo assai simile. Il catalogo è il biglietto da visita di ogni e-commerce. Se nel sito del negozio da te scelto noti schede informative sciatte, insufficienti, scritte in un italiano sgrammaticato, meglio cambiare indirizzo. Ogni venditore dovrebbe essere in grado di presentare nel modo più esaustivo possibile ogni suo prodotto. Specie se si tratta di alimentari, ogni scheda dovrebbe riportare in modo chiaro il peso, il nome del produttore, la modalità di confezionamento, le informazioni nutrizionali. Più il catalogo è completo e ricco di informazioni e più saprai quel che stai acquistano.

5. Le modalità di pagamento e di consegna

Ogni e-commerce serio dovrebbe offrire ai suoi clienti più opzioni di pagamento. Non solo la carta di credito o PayPal. Il contrassegno, in un Paese come l’Italia ancora poco abituato alle transazioni elettroniche, dovrebbe essere sempre disponibile: è più oneroso, ma ti offre la possibilità di saldare il tuo conto a merce effettivamente consegnata. Verifica poi a quale (o a quali) corriere si affida l’e-commerce per il recapito dei tuoi acquisti. Se poi si tratta di merce deperibile, controlla se il negozio adotta qualche accorgimento particolare per preservarne la freschezza. Un venditore efficiente lo dovrebbe sempre fare.

Intendiamoci, la maggior parte degli e-commerce sono seri, affidabili e sicuri. Ma se seguirai questi pochi e semplici accorgimenti, avrai la certezza che di venditori scorretti, su Internet, ce ne saranno sempre meno.